Cellulari, router, Wi-Fi. Come difendersi dai campi elettromagnetici.

Alzi la mano chi non possiede un cellulare, o chi in casa non utilizza il cordless al posto del telefono fisso, o ancora chi non giudichi una vera comodità la possibilità di collegare il proprio pc alla rete internet senza utilizzare fastidiosi fili. La tecnologia è entrata nelle nostre case con strumenti considerati per molti indispensabili, o addirittura insostituibili. In pochi, però, conoscono le insidie per la salute che apparecchi come questi nascondono.

Il dottor Jose Luis Bardasano, docente all’Università di Acalà di Henares in Spagna ed esperto in elettromagnetismo e scienze della salute non ha dubbi: le emissioni di router, cellulari e Wi-Fi incidono sui ritmi biologici dell’essere umano, riducendo la produzione di melatonina, un ormone che, tra l’altro, è anticancerogeno. Si tratta di frequenze pulsate che agiscono all’interno del nostro organismo, disorganizzando i processi fisiologici. Le conseguenze possono essere diverse. Si va da nausea, mal di testa, irritabilità, disturbi del sonno, fino al cancro nei casi più gravi. Inutile sottolineare che i più esposti ai campi elettromagnetici sono proprio i bambini, gli anziani e le donne incinte che rischiano interruzioni della gravidanza e diverse malformazioni.

 

Vediamo, allora, come limitare la presenza delle microonde usate nelle comunicazioni all’interno delle nostre abitazioni:

 

  • Collegare il router al computer con il cavo, invece di utilizzare la modalità Wi-Fi. In alternativa spegnere il modem – router quando non si è connessi ad internet.
  • Spegnere i telefoni cellulari la notte
  • Di giorno appoggiare il cellulare ogni volta che è possibile, evitando di tenerlo sempre in tasca.
  • Eliminare l’auricolare bluetooth, sostituendolo con un auricolare con filo. In alternativa utilizzare la modalità vivavoce.
  • Utilizzare in camera da letto una sveglia a pile invece di una radiosveglia per evitare il campo generato dal trasformatore.
  • Eliminare il cordless e sostituirlo con un vecchio apparecchio con il filo, in alternativa spegnerlo durante la notte e non utilizzarlo mai in camera da letto.