Legge di Stabilità: nessun taglio alle detrazioni per ristrutturazioni e riqualificazione energetica.

Pericolo scampato per chi ha avviato interventi per la ristrutturazione e la riqualificazione energetica incentivato dai bonus fiscali. Il disegno di legge di stabilità, varato dal Consiglio dei Ministri alcuni giorni fa, infatti, non prevede alcun taglio alle detrazioni su questo genere di interventi.

La Legge di Stabilità prevede l’introduzione di un tetto annuo di 3 mila euro per le detrazioni fiscali di cui beneficiare in dichiarazione dei redditi e una franchigia di 250 euro annui per le deduzioni dei contribuenti con reddito superiore ai 15 mila euro. Tetto e franchigia si applicano a mutui e canoni di affitto e avranno valore retroattivo, entrando in vigore già per le spese sostenute a partire dal 1 gennaio del 2012.
Fortunatamente, le spese per le ristrutturazioni edilizie rimangono escluse dall’applicazione della legge e continueranno ad beneficiare delle agevolazioni al 50%, fino al 30 giugno 2013 per poi ritornare al “vecchio” bonus del 36%.
Stesso discorso per la riqualificazione energetica, per i cui sgravi fiscali si continuerà ad usufruire delle misure introdotte con il Dl 83/2012: detrazione del 55% fino al 30 giugno 2013. Sempre fino a tale data il tetto di spesa massimo detraibile sarà di 96 mila euro per poi tornare a 48 mila euro a partire dal primo luglio 2013.